giovedì 9 ottobre 2008

Sacchetti e Tetrapak



La settimana scorsa entrando nello sgabuzzino a posare un sacchetto di plastica nel suo apposito contenitore, sono stata aggredita dai medesimi. Ho sacchetti da utilizzare per 1 anno almeno.
Questo mi ha dato la forza di prendere radicali provvedimenti sulle mie abitudini.

Ho cominciato ha usare borse più grandi, così se faccio piccoli acquisti li infilo direttamente in borsa.
Mi porto dietro quella bellissima pallina blu che vedete in foto che altri non è che un bel sacchetto arrotolato di misura considerevole, ottimo per piccole spese al mercato e supermercato.
Ho riempito le tasche di tutte le mie giacche (in questa stagione non so mai bene quale userò) di sacchetti di plastica ripiegati a triangolo come mi aveva insegnato le mia nonna, così se esco senza borsa non resto senza sacchetto.

Con questi piccoli accorgimenti sto rifiutando persino il sacchetto in farmacia!

A Torino è possibile fare la raccolta differenziata del Tetrapak, usando i raccoglitori della carta. Unico accorgimento è che vanno scaicquati e asciugati prima di buttarli.

Io sono pigra, a volte tanto, perciò devo organizzarmi. Stanca di vedere il mio lavandino occupato dai contenitori messi a scolare, che sono sempre una quantità industriale quando mi serve lo spazio, ho riesumato lo scolabiberon di Leonardo. Mi sono fatta un angolino sul terrazzo per loro e presa dall'entusiamo voglio andare a parlare col dirigente scolastico (la preside!) di mio figlio per vedere se si riesce a recuperare il tetrapak dei succhi di frutta che i bambini si portano a scuola. Vi terrò informate!

5 commenti:

AmoLaPioggia on 9 ottobre 2008 17:56 ha detto...

Bhe......per l'impegno 10....ma per la costanza sull'idea che voto ti do????

Besitos

Extramamma on 12 ottobre 2008 20:22 ha detto...

Brava, anch'io oramai da mesi rifiuto i sacchetti che mi offrono nei negozi, ho sempre le mie borsine eco in auto.(portarsele dietro o metterle intasca poi diventa un'abitudine) Sono arrivata al punto di non avere più sacchetti di plastica in casa e vedendo il mio contenitore vuoto ho avuto un attimo di panico, dove lo metto il pattume? Ma poi ne ho trovato uno nascosto fra la roba accatastata dalle mie bambine. Sul terapack mi giri il link, se ce l'hai? A Milano dovrebbe esserci lo stesso servizio ma non sono risucita a stanarlo. Ciao p

Anna on 17 ottobre 2008 21:42 ha detto...

Stavo per mettere un post simile sul mio blog, anch'io giro con i sacchetti di stoffa o di tela nella borsa (ok, non sempre mi ricordo, ma l'impegno ce lo metto!) ne ho di ogni tipo e fattura!

Per la spesa ne ho presi un paio grandi al Carrefour, quelli che ti cambiano quando si usurano (idea geniale!).

E rifiuto sempre i sacchetti, anche quelli di carta, ne ho milioni e li uso per fare la raccolta della carta, ma andrò avanti per sempre!!!

L'unica preoccupazione è tenerne qualcuno per la spazzatura, poi va bene così e si riusa tutto, specie le confezioni di plastica di tutti i prodotti dei bimbi...ottimi per qualunque cosa!!!

Gloglo on 18 ottobre 2008 09:13 ha detto...

Ciao Anna mi spiace averti anticipata, ma ero ispirata.
Un abbraccio

Linda on 18 ottobre 2008 12:44 ha detto...

Anch'io mi sono messa a riutilizzare tutte le sportine di casa e non ne ho più avuto bisogno di chiederle al supermercato, peccato che a lungo andare le ho usate tutte e adesso per buttare la spazzatura non ne ho più!! Una soluzione però l'ho trovata..le sto chiedendo a mia mamma, nel suo comune c'è la raccolta differenziata, quindi a lei non servono..e io riciclo le sue!!

 

Alchimista in libertà Copyright © 2008 Green Scrapbook Diary Designed by SimplyWP | Made free by Scrapbooking Software | Bloggerized by Ipiet Notez