mercoledì 3 dicembre 2008

MammacheConferenza!


Ebbene mi fregio del privilegio di essere una delle prime a parlare della conferenza tenutasi oggi alla Bocconi di Milano sulle mamme blogger.
Il mio intervento non vuole sostituire quello delle relatrici Itmom e Jolanda, ma solo commentare un avvenimento al quale ho preso parte, così come faccio sempre su ciò che mi capita di particolarmente interessante da essere raccontato.

Purtroppo per motivi logistici di spostamento e temperatura e orario e solitudine ho seguito la conferenza dal mio ufficio. Il vantaggio è stato che quando sono andata in bagno non ho disturbato nessuno, ma avrei preferito essere lì con loro. Credo per il fatto che quando segui per un po' di tempo i pensieri di una persona alla fine ti venga voglia di associare una faccia a quei pensieri. Per me è così.

Quindi ringrazio Mamma che Club per avermi dato la possibilità di seguire l'incontro a distanza.
Io sono stata una vera piattola per il regista! E questo non va bene, e qui non si sente e lì trema e adesso non c'è l'audio... una mia amica dice che dovrei trovare modo di far diventare la mia pignoleria uno sbocco professionale. Suggerimenti?

L'incontro si è svolto in due parti: una dedicata alle statistiche e presentazione/relazione dell'incontro, una di conversazione/domande tra mamme blogger. Alcune le conoscevo altre spero di avere modo di seguirle, ma come si accennava alla conferenza se seguissimo tutti i blog delle mamme, non avremmo più il tempo di fare le mamme!
Io ed altre mamme on-line abbiamo avuto modo di partecipare attivamente chattando, passando da un sobrio e timido intervento qua e là a chiaccherare spudoratamente e fare- tipo gialappa's band- commenti agli interventi. Commenti costruttivi però, più qualche profusione di saluti quando le mamme sono tornate (appunto) a fare le mamme.

Sono molto soddifatta dell'incontro e i due punti che mi hanno appassionata sono stati dove si è parlato di "mamme che scrivono per le mamme" e di "rivalutazione del ruolo femminile di mamma". Io credo che i due aspetti siano uno solo in realtà.
Questa società, che dopo le grandi trasformazioni femministe si è un po' trovata frastornata e, io credo, indebolita, ha trovato con internet un nuovo equilibrio. Questo argomento lo avevo già accennato, oggi ha trovato ancora più spessore. Siamo state divise per troppo tempo le une dalle altre. La società ricostruita (forse) sulle ceneri della precedente, si è più che altro trovata un terreno fangoso sotto i piedi, dove le donne non sapevano più se essere donne/mamme come prima o donne/carriera come aspiravano.
Da questo "brodo primordiale" sono emerse le mamme blogger, che sono prima di tutto DONNE che si slegano dalle etichette e cercano solo di essere se stesse. Perchè una donna non deve scegliere tra sentirsi mamma, casalinga, carrierista così come la società connota queste categorie. Una donna deve solo sentirsi tale, quello che fa non è quello che è.
Le mamme blogger sono questo: donne che scaldano il biberon o corrono all'asilo, seguono le elezioni politiche, la ricetta dei biscotti, conoscono il valore dell'informazione "dal basso", prendono con leggerezza se stesse e la vita famigliare/lavorativa. (ho preso spunto da un post di Itmom per riordinare i mei pensieri)

Tra qualche anno mamma blogger diventerà una nuova etichetta che raggruppa una fenomeno di massa che oggi è nuovo e domani sarà consolidato, e studiosi ci faranno sopra discorsoni e tesi di laurea, e smetteremo nuovamente di essere persone e diventeremo numeri e allora troveremo dinuovo il modo di trasformarci per continuare a gridare che siamo persone.

Il post è venuto particolarmente lungo, spero che qualcuna sia arrivata a leggerlo tutto.
Un abbraccio

9 commenti:

Jolanda on 3 dicembre 2008 17:37 ha detto...

Sono contenta che l'incontro ti sia piaciuto! Spero che la prossima volta tu riesca ad essere presente! Saluti!

itmom on 3 dicembre 2008 17:40 ha detto...

bellissima relazione!
secondo me quello che siamo come mamme blogger è che sui blog riusciamo ad essere noi stesse a 360 gradi.

al lavoro devi mostrare una maschera e magari in famiglia un'altra, qui nel nostro blog abbiamo la libertà di essere noi stesse, perchè sappiamo che la nostra audience è fatta di persone che ci capiscono e condividono i nostri pensieri e modi di essere, spesso schizofrenici, perchè una donna mamma è soprattutto una incredibile trasformista!
grazie per aver partecipato all'incontro!

Gloglo on 4 dicembre 2008 12:14 ha detto...

grazie a voi per aver organizzato l'incontro

Linda on 4 dicembre 2008 13:54 ha detto...

Ho letto con piacere il tuo post, io non ho potuto collegarmi per vedere in diretta le mammeblogger perchè ahimè ho dovuto fare la mamma "a tempo pieno"... grazie per quello che hai scritto! ^_^

Silvia on 4 dicembre 2008 15:01 ha detto...

Grazie per questo fresco resoconto!
Io in redazione ho gli streaming bloccati per cui non ho potuto seguirle in diretta.
In America il fenomeno "mommyblogging" è una realtà molto forte, noi qui siamo sempre in ritardo ma qualcosa si sta muovendo.
Silvia

bstevens on 4 dicembre 2008 15:14 ha detto...

ieri è stato davvero bello, accidenti che non c'eri! baci, B.

alleg67 on 4 dicembre 2008 15:35 ha detto...

io , avrei voluto seguirlo via internet, ma non funzionava nulla, qui la tecnologia ogni tanto ci lascia, come avrei voluto esserci, spero tanto in un prossimo incontro.
hai fatto una relazione bellissima!! complimenti.
noi, donne siamo trasformiste, per mille motivi e per mille doveri, pero' abbiamo un pubblico che ci capisce e questo é importante!!
ciao!!

M di MS on 5 dicembre 2008 20:36 ha detto...

Sei andata dritta al punto, come se fossi stata seduta in prima fila. Penso che questa cosa della conferenza streaming sia stata un'ottima idea. Viva la democrazia del web!

Gloglo on 6 dicembre 2008 07:52 ha detto...

Sisi internet ha abbattuto grandi "barriere architettoniche".
Ho visto le foto che ha pubblicato Jolanda. In alcuni scatti si vede la telecamera: provate a immaginarci al di là di essa,qualcuna che passa ogni tanto col sugo in mano e qualcuna bella attenta.

Un abbraccio

 

Alchimista in libertà Copyright © 2008 Green Scrapbook Diary Designed by SimplyWP | Made free by Scrapbooking Software | Bloggerized by Ipiet Notez