sabato 31 gennaio 2009

Il mio prezioso tempo


A tutte quelle persone a cui non interessa internet, o che per loro è solo chat, forum o un modo per guardarsi film gratis, io controbatto con la profonda conoscienza di questo strumento che rende liberi!

Ieri ho dovuto prenotare una visita dall'otorino per l'erede. Penserete mica che mi sia sparata ore in sala d'attesa? Ho acceso il mio pc e ho mandato una mail al servizio prenotazioni dell'ospedale scelto, che mi ha richiamata per fissare l'appuntamento!
Sono settimane che desidero leggere un libro, ma la mia biblioteca ormai è prossima al crollo, percui ho ripiegato sul prestito bibliotecario. Mi sono collegata al servizio bibliotecario on line e ho cercato il libro nella biblioteca più vicina a casa. Il programma mi ha informata che il libro non era disponibile, ho chiamato la biblioteca e mi sono prenotata. Quando il libro rientrerà sarò avvertita da loro.

E' questo il mio concetto di uso intelligente della tecnologia!

mercoledì 28 gennaio 2009

I giorni della merla


Il 29, 30 e 31 gennaio sono popolarmente conosciuti come i gioni della merla.
Questa leggenda, come molte altre, non ha una sola versione. Questa è quella che mia mamma mi ha raccontato da bambina (e quindi per me quella "giusta").

Una merla, con uno splendido candido piumaggio, era regolarmente strapazzata da Gennaio, mese freddo e ombroso, che si divertiva ad aspettare che la merla uscisse dal nido in cerca di cibo, per gettare sulla terra freddo e gelo. Stanca delle continue persecuzioni la merla un anno decise di fare provviste sufficienti per un mese, e si rinchiuse nella sua tana, al riparo, per tutto il mese di Gennaio, che allora aveva solo 28 giorni. L'ultimo giorno del mese, la merla pensando di aver ingannato il cattivo Gennaio, uscì dal nascondiglio e si mise a cantare per sbeffeggiarlo. Gennaio si risentì talmente tanto che chiese in prestito tre giorni a Febbraio e si scatenò con bufere di neve, vento, gelo, pioggia. La merla si rifugiò alla chetichella in un camino, e lì restò al riparo per tre giorni. Quando la merla uscì, era sì, salva, ma il suo bel piumaggio si era annerito a causa del fumo e così rimase per sempre con le piume nere.

Carnevale


Ormai stiamo entrando in periodo canervalesco. Per le strade cominciano a vedersi coriandoli e stelle filanti.
Il mese prossimo a scuola di Leonardo ci sarà la festa di carnevale e Leonardo vuole vestirsi da Arlecchino.
Intanto adoro mio figlio: alla faccia di gormiti e power ranger, lui punta sul classico!
Poi viene il panico. In giro ci sono custumi che partono dai 20 euro, spesa che non ho molta voglia di sostenere per un costume che indosserà 4 ore della sua vita.
Passo davanti a una merceria e vedo che vendono la stoffa arlecchinata a un prezzo accettabile. Unico problema: non so di certo confezionare un vestito!
La nonna quando gli ho proposto di mettersi a cucire ha sbuffato, per la serie se non me lo fai fare sono più contenta.
Ci ho riflettuto un paio di giorni e stamattina l'illuminazione! Compro la stoffa, prendo una maglietta di Leonardo e come riesco a fare ci cucio sopra la stoffa arlecchinata. Così dovrei farcela da sola.

Spero sia d'ispirazione ad altre mamme nei guai come me

martedì 27 gennaio 2009

8 gemelli


Stamattina, col mio andamento bradipo e la tazza di caffè in mano, accendo la radio e la prima notizia che raggiunge il mio assonnato cervello è quella di un parto record negli USA: 8 gemelli! La mamma ha dichiarato di volerli allattare al seno.
La prima immagine formatasi nella mia mente è stata quella di una mucca attaccata alla macchina della mungitura. Io sono per l'allattamento al seno, ma 8 tutti insieme mi sembra voler farsi venire un esaurimento nervoso!

E poi... 8 figli tutti insieme! Io che non riesco a gestire più di due pentole sul fuoco per volta, che se sto cucinando non posso intanto caricare la lavatrice, stendere, passare la scopa altrimenti mi brucia tutto, gestire 8 scimmie urlatrici è molto vicino al mio concetto di inferno.
Ma mi ci vedete a far fare i compiti a 8 bambini!!! Già con uno sono al limite della pazienza.

No no, non fa per me.

In bocca al lupo, mamma!!

lunedì 26 gennaio 2009

Compiti


Ieri 4 ore della nostra uggiosa domenica sono state investite per far fare i compiti a Leonardo. Ricordo che Leonardo è in 1° elementare, percui potete capire l'entità e la quantità dei compiti.

Ma la cosa di maggior rilievo è stata che per fare italiano ci abbiamo messo 3 ore e 45 minuti, tra minacce, cancellature, attacchi di sonno, fame, acqua, livello della pazienza che scendeva vertiginosamente e che per matematica ci sono voluti 15 minuti tra sorrisi e leggerezza.

A buon intenditore...

mercoledì 21 gennaio 2009

Il mio quotidiano di storia.


Non acquisto regolarmente i quotidiani. Di solito mi fermo a sfogliarli al bar o acchiappo uno di quelli gratis che distribuiscono in città o mi collego alla rete.
Ma esistono momenti in cui entro in edicola e compro il quotidiano. Sono i momenti che ho scelto di mettere nel mio "quotidiano di storia". Quando ero alle superiori il mio insegnante di lettere ci ha spedito alla biblioteca civica a guardare i microfilm dove erano fotografati i quotidiani dell'epoca fascista, così oltre che studiare la storia moderna, potevamo in qualche modo toccare con mano l'informazione.
Così da tempo conservo quotidiani o parti di esse, perchè possa un giorno far vedere a Leonardo come quell' evento ormai lontano nella memoria, avesse suscitato grandi emozioni.

Ovviamente oggi è il giorno di Barak. Un giorno Leonardo studierà della schiavitù americana e di come dai ceppi si sia passati ad essere eletti presidente degli USA, non voglio che siano solo date da imparare a memoria, come per me è stata piazza Tiennamen o l'esposione di Chernobyl.

Ieri ho seguito l'evento in streaming e ho trovato il discorso decisamente galvanizzante. Ma così doveva essere. Non mi aspettavo niente di meno. L'unico passaggio che non ho apprezzato e quando ha parlato di come i padri pellegrini si siano spezzati la schiena per coltivare la terra. E i pellerossa che hanno massacrato per avere quella terra? Ma si sa non si può accontentare tutti.

Forse il prossimo presidente sarà un Nativo Americano. Ormai tutto è possibile

lunedì 19 gennaio 2009

Pubblicità 2


Da qualche tempo è entrato in casa nostra il digitale terrestre, così abbiamo appagato la voglia di tutta la famiglia di guardarsi cartoni animati.
Al momento (speriamo continui) sui canali dedicati ai cartoni animati non c'è praticamente pubblicità di giocattoli, nel mio caso nessuna pubblicità sui Gormiti.
Non ci ho fatto subito caso, ma poi l'ho visto: Leonardo non mi chiede più di comprargli i Gormiti!
Da quando non è più sottoposto al bombardamento mediatico si ricorda della loro esistenza giusto quando passiamo dal giornalaio.

Meditate mamme, meditate....

domenica 18 gennaio 2009

Ecodistributori


Evviva!!!
Oggi al Carrefour ho visto un distributore alla spina di detersivi ecologici!!!
Facciamo piccoli, ma costanti passi avanti.

Peccato non essere riuscita a fotografarlo, ma sapete al sabato pomeriggio è già un'impresa riuscire a muoversi!!

sabato 17 gennaio 2009

Briciole e coltelli


Con l'inizio del nuovo anno e il raggiunto traguardo dei 6 anni e mezzo, ho deciso che si potevano fare passi avanti nell'indipendenza dell'erede.
Così adesso a tavola viene messo un coltello anche per lui e si taglia da solo ciò che deve essere tagliato.
Inoltre è stata avviata le campagna "collaborazione casalinga". Quando si pranza a Leonardo il compito di sparecchiare posate, piatti, bicchieri e tovaglioli.

Chi ben comincia...

giovedì 15 gennaio 2009

Atei e Genova


Detesto ciò che dici; ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo. ( Voltaire, XVIII secolo, l'Illuminismo)

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. (art.3, Costituzione Italiana)

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.(art.7, Costituzione Italiana)

Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume. (art.19, Costituzione Italiana)

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. (art.21, Costituzione Italiana)


Dal prossimo 4 febbraio nel capoluogo ligure lo slogan «La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che non ne hai bisogno», firmata Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), farà bella mostra su due bus (e non un'invasione, come proclamato da alcune agenzie di stampa!), al posto delle tradizionali insegne pubblicitarie.

L'azienda dei trasporti non ha regalato nulla: l'affitto costa € 7.000,00 per 4 settimane. E la Uaas li ha tirati fuori tutti.
Alcuni dipendenti dell'azienda trasporti hanno dichiarato che "obietteranno" rifiutando di prestare servizio sugli autobus con tale pubblicità.
Secondo alcuni politici è sancibile come "Pubblicità ingannevole" (!?!)
Evidentemente i soldi degli atei non valgono come quelli dei credenti. E io che credevo che il denaro potesse ogni cosa!

La prossima volta che ci sarà la campagna fondi della chiesa cattolica sulla tv di stato scriverò alla Rai chiedendo di "poter obiettare" il canone perchè non mi riconosco nelle loro scelte aziendali.

Spiegare


Ancora non mi sono ripresa dallo strascico natalizio e si vede: il blog è rimasto indietro almeno quanto la mia roba da stirare.
Stasera la roba resterà ancora lì stropicciata e io riprendo i contatti con la blogosfera.

L'altra sera mi è capitato di chiaccherare con il folle informatico; si parlava di un mio amico che convive... con un ragazzo.
Ovviamente l'erede era tutto orecchi e pronta è stata la sua domanda:
"Ma sono sposati?"
"Vivono insieme come se fossero sposati"
"Ma non è contro la legge?"
(ahi)"No amore, nel nostro paese non è contro la legge"
"Perchè in altri paesi lo è?"
"Sì amore in altri stati pensano che non debbano farlo"
"Allora fanno qualcosa di brutto?"
"No amore si vogliono bene e stanno insieme. Tu pensi che se due maschi vivono insieme fanno del male a qualcuno?"
"mmm. No"
"Allora è tutto a posto, no?"
Un attimo di silenzio....
"Ma non hanno bambini vero?"
"No amore due maschi non possono avere dei bambini"
"Ma due femmine si però, vero?"
"No, neanche due femmine possono avere un bambino. Ci vogliono un maschio e una femmina"
"Ah, ok. Vado a giocare"

E io che credevo avrei dovuto prima spiegare come nascono i bambini!

venerdì 9 gennaio 2009

Questionario: mamme e carriera


Care mamme, lavoratrici e non, di noi in questo periodo si sta occupando la rivista Psychologies, che ha preparato un questionario per conoscere il mondo delle mamme-lavoratrici.

Visto che non porta via che pochi minuti vi invito a compilarlo.

www.psychologies.it

giovedì 8 gennaio 2009

Del buon tempo


L'altro giorno ero indaffarata nella casa di campagna della suocera con le normali quotidiane faccende domestiche.
Mentre stavo rifacendo il letto il mio sguardo è stato catturato da un movimento sul terrazzo: era Rubino, il gatto di casa, che faceva la sua prima esplorazione della neve.
Così sono rimasta ad osservare questo micio che provava consistenza e temperatura, annusando e ritraendosi, con la coda ritta e le orecchie abbassate il tutto per 20 minuti, lo stesso tempo che ci metto a quardare un telefilm.
Rubino è stato il mio telefilm per un giorno, con in più le sensazioni della realtà. La mia giornata mi è sembrata più piena.
E mi ha riportato alla mente quando, da piccolo, Leonardo "bisognava guardarlo". Se allora avessi colto il significato profondo di quelle parole, non avrei sentito il mio tempo scivolarmi dalle dita, ma mi sarei arricchita dei suoi successi.
Di sicuro è con l'età che si ha più voglia di soffermarsi piuttosto che avanzare con fretta. Oggi che Leonardo non vuol più essere guardato perchè rivendica la sua indipendenza, io rubo qualche attimo e lo conservo come un tesoro.

Anno nuovo


Questo è solo un breve post per augurare a tutte/i quelli che continuano o iniziano a leggermi un prospero anno nuovo, ricco soprattutto di cambiamenti.

Credo profondamenti nei cambiamenti, anche se non sempre li amo. Ma con ogni cambiamento arriva sempre un po' più di esperienza e conoscienza.

Pertanto... cambiate quest'anno, mettevi in discussione e scopritevi alla luce della nuova esperienza.

Un grosso abbraccio.
 

Alchimista in libertà Copyright © 2008 Green Scrapbook Diary Designed by SimplyWP | Made free by Scrapbooking Software | Bloggerized by Ipiet Notez