martedì 7 aprile 2009

Terremoto dentro


Sono due giorni che penso se scrivere o meno, alla fine il mio bisogno di mettere a fuoco i pensieri è prevalso, perchè il blog è nato per me prima di tutto per segnare la storia che mi attraversa.
Leonardo ha paura dei terremoti. E' una paura non razionale, non ne ha mai vissuto uno in prima persona. Così non sono riuscita a dirgli del terremoto in Abruzzo. Il timore che gli provocasse notti insonni, con gente straziata dalla perdita di cose e persone, mi ha impedito di dirglielo.

Mentiamo ai figli. Occultiamo. Indoriamo. Non voglio che adesso si preoccupi. Ieri ha finalmente imparato ad andare in bici, dovevo togliergli la gioia della sua faticosa conquista?

Ma io dentro sono ferita. Ferita perchè l'Italia si ricorda dei compaesani quando una disgrazia li colpisce e non mi raccapezzo sul perchè tutto l'anno l'Avis mendichi sacche di sangue e in un giorno sia arrivata a dire "grazie, basta". Allo stesso tempo orgogliosa. Perchè ci si tira su le maniche, perchè non si aspetta, come in tutto il resto, che lo Stato intervenga. Ci si mette il cuore e il sudore in prima persona.
L'Italia dei controsensi e l'Italia dei tanti morti. Ma anche l'Italia dell'amore e a questo, oggi, dedico il mio pensiero

1 commenti:

alleg67 on 7 aprile 2009 17:42 ha detto...

si, Gloria hai ragione, anche Cris é torrorizzata dai terremoti, lei ne ha vissuti ià diversi, anche se senza conseguenze, l'ultimo ero a scuola e sono rimasti fuori quasi tutta la mattina, é successo due anni fà, m cio' non toglie che é terrorizzata anche solo a sentirne parlare, ieri ho voluto vedere un po' di notizie e lei ha guardato, ma poi all'ora di andare a dormire mi ha detto, si ma mamma ora io ho paura vieni a dormire con me?
hai fatto bene a non dire a Leo perché é ancora piccolo lascialo ancora il suo mondo da bimbo perché poi quando diventa grande...
ti abbraccio forte!! :)

 

Alchimista in libertà Copyright © 2008 Green Scrapbook Diary Designed by SimplyWP | Made free by Scrapbooking Software | Bloggerized by Ipiet Notez