martedì 1 settembre 2009

YY


Ieri sera col folle informatico abbiamo affrontato la tetralogia di Alien. Quelle piccole follie che a volte le coppie fanno quando i figli sono in vacanza!
In Alien 3 la nostra sfigatissima Ripley finiva in una colonia penale dove i maschi avevano i cromosomi YY. Maschi allo stato puro.
Un brivido mi ha percorso la schiena. Se già la maggiorparte dei maschi si comportano come si comportano con un cromosoma X, che mai combinerebbero con due Y?

So che non dovrei generalizzare, ma mi chiedo sempre più spesso quanto pesi il ruolo di una madre nella formazione di un senso critico dei maschi nei confronti di una donna. Sto dando il giusto esempio a mio figlio? Il mio vivere lo porterà a considerare la sua donna in una prospettiva più ampia di quella che oggi vediamo nel mondo? E ti devi scontrare con un retaggio ancora troppo vivo, quando mio padre gli dice "Non comportarti come una femminuccia" ed io vorrei tirare un cazzotto in bocca a mio padre.

L'indole di mio figlio è profondamente pigra ed egocentrica (forse come un po' tutti i figli unici) ed è un susseguirsi di "Mamma, ho sete","Mamma mi vesti?","Mamma mi porti quello?" e adesso che è più grande e vorrei che certe cose le facesse da solo, vedo tutti i limiti dei troppi sì detti per comodità, per mancanza di tempo, perchè era più facile assecondare che lottare dopo una giornata stancante.

Cerco di convincermi che non è ancora troppo tardi, che posso ancora smussare gli spigoli di un carettere a volte troppo ingombrante, che posso redimermi per il bene di mio figlio e della sua futura compagna.

A volte pesa troppo il dovere di crescere un uomo.

8 commenti:

mammafelice on 1 settembre 2009 11:47 ha detto...

Ma no che non è tardi.
Intanto io inizierei a dargli l'aspirapolvere: vedi mai che l'addestramento a diventare uomo passi proprio attraverso il diventare donna? :)

supermambanana on 1 settembre 2009 12:10 ha detto...

dipende da te ma anche molto dal suo papa', se lo vede lavare i piatti con regolarita' non si porra' mai il problema del se sia una cosa da femmine o no!

SuzieD on 1 settembre 2009 12:12 ha detto...

Ciao Gloglo,
penso che molti dei modelli culturali che vengono trasmessi in famiglia sono "assorbiti" automaticamente dai nostri figli e che renderli autonomi è la cosa più faticosa al mondo, ma poco cambia tra figli maschi e femmine.. quando la sera mangiamo tutti insieme io chiedo a mio marito e mia figlia se apparecchiano la tavola insieme; educare una figlia e farle capire che ad esempio, la manutenzione della casa è una cosa di tutti gli abitanti, è cercare di farle vedere proprio questo!
...e devo dirlo, lo faccio anche per mio marito!

Silvia - Mamma Imperfetta on 1 settembre 2009 14:42 ha detto...

Sfondi una porta apertissima.
Io sulle autonomie sono davvero ferma.
Sono fortunata perchè le nostre scuole dell'infanzia mi sostengono in questo progetto educativo.
Matteo (5 anni) non prova nemmeno più a dire "portami" "dammi", si alza e si fa le cose da solo. Niccolò (3 anni) guardando il fratello si comporta allo stesso modo: si lava e si veste da solo, si versa l'acqua.
Poi fa un sacco di casini ma non mi importa: preferisco pulire piuttosto che eseguire.
Anche mia suocera ogni tanto esordisce con il paragone con le femminucce e io ribollo di una rabbia furente.
Hai letto "Dalla parte delle bambine"?

SuzieD on 1 settembre 2009 15:22 ha detto...

E' vero W l'autosufficienza!
Frida ha 4 anni, la mattina si alza, si lava e si veste da sola e visto che lo fa da un anno ormai non devo più pulire il dentrificio in giro per il bagno!!!
Grazie per il consiglio libresco.. non l'ho letto.

Mamma Cattiva on 1 settembre 2009 23:18 ha detto...

Quoto ogni riga e sottoscrivo ogni timore ma per ora vado avanti con l'idea che la modalità migliore sia il buon esempio: il dialogo tra noi genitori, noi verso di loro. Fuori la giungla ma dentro casa un appiglio di riferimento. Io dico sempre che i bambini nascono tutti uguali e collaborativi. Siamo noi che li rendiamo maschi e femmine in quanto etichette e soprattutto non "servizievoli". Non ci sono bimbi pigri finché non decidiamo che lo siano.

I pensieri di Alle on 2 settembre 2009 21:27 ha detto...

non é mai troppo tardi!! :)

Gloglo on 2 settembre 2009 23:21 ha detto...

Grazie a tutte per il supporto. In effetti in famiglia manca un po' l'esempio paterno, ma questo non deve essere una scusa per non darmi da fare.

 

Alchimista in libertà Copyright © 2008 Green Scrapbook Diary Designed by SimplyWP | Made free by Scrapbooking Software | Bloggerized by Ipiet Notez